IL DATORE DEVE RISPONDERE PER L’INFARTO DEL DATORE DI LAVORO

La sentenza n. 9945-2014 ha offerto lo spunto per alcune riflessioni critiche in merito alla corretta applicazione dell’art 28, comma 1, D Lgs n 81/2008, e sul binomio stress lavorativo-organizzazione aziendale e, al tempo stesso, ha ribadito un concetto fondamentale secondo il quale il datore di lavoro è tenuto a valutare tutti i rischi riferibili specificatamente all’attività lavorativa svolta in concreto dal singolo lavoratore.

Ma c’ è di più. Questa sentenza ha spinto anche ad alcune riflessioni di carattere più generale sul modus operandi di alcuni datori di lavoro “al tempo della crisi” che, sempre più spesso, non potendo (o volendo) procedere a nuove assunzioni, hanno intensificato anche a dismisura i carichi di lavoro.

P-FLAV 08-15 PIN - Rischio Medio - Progettazione Esecutiva (310.0 KiB)

IL DATORE DEVE RISPONDERE PER L’INFARTO DEL DATORE DI LAVORO ultima modifica: ‘2014-07-16T09:50:37+00:00’ da Giovanni Polidoro