Qual è l’obbligo di vigilanza del delegante sull’attività del delegato?

Consulenza per Responsabilità Giuridica Aziendale

Come noto, il D.Lgs.81/08 prevede che la delega di funzioni non esclude l’obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite (art.16 comma 1 primo periodo).
La norma poi prosegue – a seguito delle modifiche apportate nel 2009 – prevedendo che l’obbligo di vigilanza posto in capo al delegante sul corretto espletamento delle attività delegate si intende assolto in caso di adozione ed efficace attuazione del modello di verifica e controllo di cui all’articolo 30, comma 4.
Secondo tale disposizione, dunque, l’adozione ed efficace attuazione di un modello organizzativo ai sensi del D.Lgs.231/01 che preveda, oltre agli altri requisiti elencati nell’art.30 D.Lgs.81/08 e nel decreto 231 stesso, anche un idoneo sistema di controllo sull’attuazione del medesimo modello e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità delle misure adottate, è tale da far presumere l’adempimento dell’obbligo di vigilanza del delegante: obbligo che così si intende assolto.
Per poter ricostruire il contenuto, i limiti e le modalità di esplicazione dell’obbligo di vigilanza del delegante, occorre partire dal principio secondo il quale esiste una responsabilità residuale del datore di lavoro che ha l’obbligo di vigilanza ex art.16, comma 3, d.lgs.81/2008.
Questa responsabilità si collega ad un concetto di vigilanza alta, che ha per oggetto il corretto svolgimento delle proprie funzioni da parte del soggetto delegato, con l’obbligo del datore di lavoro di vigilare e di controllare che il delegato usi correttamente la delega, secondo quanto la legge prescrive.
Più in particolare il ruolo di vigilanza di cui al comma 3, del citato art.16, d.Lgs.81/2008, tuttavia non può avere per oggetto la concreta, minuta conformazione delle singole lavorazioni concernendo, invece, la correttezza della complessiva gestione del rischio da parte del delegato.
Dunque il contenuto dell’obbligo di vigilanza del delegante è la complessiva gestione del rischio da parte del delegato.
E pertanto ne consegue che l’obbligo di vigilanza del delegante è distinto da quello del delegato (al quale vengono trasferite le competenze afferenti alla gestione del rischio lavorativo) e non impone il controllo, momento per momento, delle modalità di svolgimento delle singole lavorazioni.

A cura di Giovanni Polidoro

Il pdf della circolare è scaricabile QUI

Fonte della notizia: www.puntosicuro.it

Gruppo POLARIS Srl sarà a vostra disposizione per qualsiasi informazione e chiarimento.
Tel. 0121 30.37.68 / segreteria@gruppopolaris.org

Qual è l’obbligo di vigilanza del delegante sull’attività del delegato? ultima modifica: ‘2018-07-30T14:09:27+00:00’ da Mirko Costantino