Il Sistri, slitta di nuovo fino al 31 dicembre 2018

 

Modello di Gestione dei Rifiuti per la Gestione dei Rifiuti Pericolosi e Non Pericolosi.Il SISTRI, il Sistema di tracciabilità dei rifiuti, è stato nuovamente prorogato.

Nella Legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) in vigore dal 1 gennaio 2018 è contenuta la consueta proroga per il SISTRI e viene inserito un articolo specifico nel Testo Unico ambientale in materia di semplificazione delle procedure e di termini per il recupero dei contributi SISTRI.

Quindi slitta al 31 dicembre 2018 il termine entro il quale le aziende, che si occupano di produzione, trasporto e smaltimento di rifiuti pericolosi, dovranno abbandonare il vecchio sistema cartaceo di tenuta dei registri di carico e scarico, l’aggiornamento del catasto rifiuti e le modalità di movimentazione tradizionali.

Pertanto nel 2018 si andrà avanti con il cosiddetto “doppio binario” ossia sarà obbligatorio continuare ad utilizzare i tradizionali registri di carico/scarico ed i formulari. Chi lo vorrà, avrà facoltà di utilizzare anche la chiavetta USB SISTRI, per prenderne dimestichezza.

Non saranno erogate sanzioni nel caso di errata gestione (così come avvenuto nel 2017); ricordiamo comunque che rimane in vigore l’obbligo di versare il contributo di adesione al Sistema; per il quale sono invece previsti controlli e sanzioni in caso di mancato pagamento.

Per il recupero dei contributi per il SISTRI dovuti e non corrisposti e delle richieste di rimborso o di conguaglio da parte di utenti del SISTRI, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare stabilisce, con proprio decreto di natura non regolamentare, una o più procedure.

A cura di Giovanni Polidoro

Il pdf della circolare è scaricabile QUI

Gruppo POLARIS Srl sarà a vostra disposizione per qualsiasi informazione e chiarimento.
Tel. 0121 30.37.68 / segreteria@gruppopolaris.org

Il Sistri, slitta di nuovo fino al 31 dicembre 2018 ultima modifica: ‘2018-01-08T12:33:41+00:00’ da Giovanni Polidoro