Dal 22 luglio è entrata in vigore la RoHS III

A partire dal 22 luglio è entrata in vigore la terza integrazione della RoHS (RoHS III): l’introduzione della Direttiva delegata (UE) 2015/863 ha aggiunto nuove sostanze all’Allegato I della Direttiva 2011/65/EU.

Cos’è cambiato?

  • RoHS IIIè diventata applicabile l’undicesima categoria dell’Allegato I: Cat. 11 “Altre AEE non comprese nelle categorie sopra elencate”. Il costruttore di una qualsiasi apparecchiatura che dipende dall’energia elettrica per svolgere una delle proprie funzioni, dovrà attestare il rispetto della RoHS attraverso la marcatura CE, a meno che il prodotto non ricada in una delle esclusioni o delle esenzioni previste.
  • Allegato II Sostanze con restrizioni d’uso di cui all’articolo 4, paragrafo 1, e valori delle concentrazioni massime tollerate per peso nei materiali omogenei:
    Piombo 0,1%
    Mercurio 0,1%
    Cadmio 0,1%
    Cromo esavalente 0,1%
    Bifenili polibromurati 0,1%
    Eteri di difenile polibromurato (PBDE) 0,1%
    Ftalato di bis(2-etilesile) (DEHP) 0,1%
    Benzilbutilftalato (BBP) 0,1%
    Dibutilftalato (DBP) 0,1%
    Diisobutiftalato (DIBP) 0,1%

Per maggiori informazioni in merito alla Dichiarazione di conformità, vi invitiamo a contattarci al 0121-303768 o segreteria@gruppopolaris.org.

PDF Dal 22 luglio è entrata in vigore la RoHS III Dal 22 luglio è entrata in vigore la RoHS III ultima modifica: ‘2019-07-26T12:27:25+00:00’ da Luana Airasca