Quali certificazioni risultano idonee a legittimare il RPD nell’esercizio delle sue funzioni?

Come accade nei settori delle cosiddette “professioni non regolamentate”, si sono diffusi schemi proprietari di certificazione volontaria delle competenze professionali effettuate da appositi enti certificatori per legittimare il RPD. Tali certificazioni (che non rientrano tra quelle disciplinate dall’art.42 del RGPD) sono rilasciate anche all’esito della partecipazione ad attività formative e al controllo dell’apprendimento.

Esse, pur rappresentando, al pari di altri titoli, un valido strumento ai fini della verifica del possesso di un livello minimo di conoscenza della disciplina, tuttavia non equivalgono, di per sé, a una “abilitazione” allo svolgimento del ruolo del RPD né, allo stato, sono idonee a sostituire il giudizio rimesso alle PP.AA. nella valutazione dei requisiti necessari al RPD per svolgere i compiti previsti dall’art. 39 del RGPD.

A cura di Giovanni Polidoro

Fonte della notizia: www.puntosicuro.it

Gruppo POLARIS Srl sarà a vostra disposizione per qualsiasi informazione e chiarimento.
Tel. 0121 30.37.68 / segreteria@gruppopolaris.org

Quali certificazioni risultano idonee a legittimare il RPD nell’esercizio delle sue funzioni? ultima modifica: ‘2018-01-16T13:00:12+00:00’ da Giovanni Polidoro