Consulenza per Trasporto di Merci Pericolose

Il trasporto di merci pericolose è soggetto a norme e regolamenti molto dettagliati. Essi sono formulati in base al tipo di materiale trasportato e ai mezzi di trasporto utilizzati.

Ogni soggetto coinvolto nel trasferimento di merci pericolose (speditore, caricatore, trasportatore, destinatario) ha i suoi precisi doveri. Lo speditore (mittente) deve provvedere:

  • alla classificazione delle merci,
  • alla scelta degli imballaggi (o dei contenitori o delle cisterne) appropriati in relazione alle caratteristiche di pericolosità delle merci,
  • a fornire al trasportatore tutti i documenti necessari per poter effettuare il trasporto a regola d’arte e in sicurezza.

Documenti per il Trasporto di Merci Pericolose

Un esempio di documenti necessari per il trasporto stradale in Europa che lo speditore deve fornire, sono le “istruzioni scritte“. Sono redatte nelle lingue delle nazioni attraversate e in quelle parlate dai conducenti. Riportano le istruzioni da seguire in caso di incidente stradale.

Il trasporto su strada di merci pericolose è regolamentato dall’accordo internazionale ADR, il cui testo è aggiornato ogni due anni. L’accordo originale è stato siglato a Ginevra il 30 settembre 1957 come European Agreement concerning the International Carriage of Dangerous Goods by Road. Il 1º gennaio 2015 è entrato in vigore l’ADR.

Mezzi e modalità di Trasporto di Merci Pericolose

Il mezzo di trasporto, prima di essere autorizzato al carico di merci pericolose, deve essere attrezzato specificatamente per le classi di materiali. Inoltre è destinato ad ospitare attrezzature evidentemente diverse a seconda del tipo di pericolosità. Ad esempio, saranno obbligatori a bordo estintori specializzati per le merci infiammabili. In caso di merci allo stato gassoso ci saranno adeguate aperture di aerazione. Per quanto riguarda il trasporto su strada e per ferrovia una delle prime condizioni fondamentali è che sull’autocarro o sul carro ferroviario merci sia riportato in modo molto visibile il fatto che nel vano di carico sono stivate merci rivestenti carattere di pericolosità.

A tal fine sono applicati, a seconda della modalità di trasporto (in colli, in cisterna o alla rinfusa), sulla parte anteriore e posteriore ed eventualmente sui lati degli autocarri o dei carri ferroviari, dei pannelli e delle etichette di pericolo: i primi, di colore arancione e di forma rettangolare (dalle misure di cm 40×30), le seconde a forma di quadrato posto sulla punta (losanga) di 25×25 cm o 30×30 cm.

Il trasportatore alla guida di un veicolo su cui è caricata merce pericolosa deve essere in possesso, in generale, oltre che della normale patente di guida, del Certificato di Formazione Professionale A.D.R., ottenuto per esame dopo un corso specialistico su vari argomenti concernenti il trasporto di merci pericolose. Il certificato ha durata 5 anni dalla data dell’esame ed è rinnovabile un anno prima della data di scadenza dello stesso. A seconda del corso, e quindi dell’esame sostenuto, verrà rilasciato:

  • certificato Base: abilita al trasporto in colli di merci pericolose di tutte le classi tranne radioattivi ed esplosivi;
  • specializzazione Cisterne: abilita al trasporto in cisterna di merci pericolose di tutte le classi. Sono esclusi radioattivi ed esplosivi (che non si possono comunque trasportare in cisterna);
  • specializzazione Esplosivi: abilita al trasporto in colli delle merci pericolose della classe 1 (esplosivi);
  • specializzazione Radioattivi: abilita al trasporto di merci pericolose della classe 7 (radioattivi).

Come possiamo aiutarti?

Per qualsiasi dubbio o per richiedere un preventivo, può contattarci tramite questo modulo:

Nome: Cognome :
Email: Telefono:
Messaggio:

Allegato:
Privacy: Accetto l'Informativa consultabile qui redatta ai sensi del Decreto Legislativo n.196 del 30 giugno 2003 e del Provvedimento generale del Garante privacy dell’8 maggio 2014.
Consulenza per Trasporto di Merci Pericolose ultima modifica: ‘2017-06-29T17:29:37+00:00’ da Giovanni Polidoro