Contenitori e distributori gasolio: cosa è cambiato?

Con il D.M. del 22 novembre 2017 è stata approvata la regola tecnica di prevenzione incendio per l’installazione e l’esercizio di contenitori-distributori di gasolio.

La nuova normativa prevede che ogni contenitore-distributore di gasolio deve: Leggi tutto “Contenitori e distributori gasolio: cosa è cambiato?”

Contenitori e distributori gasolio: cosa è cambiato? ultima modifica: ‘2018-07-03T14:00:16+00:00’ da Giovanni Polidoro

Standard Internazionale: la norma Iso 45001

La OHSAS 18001 sarà sostituita dalla nuova norma Iso 45001 dopo un periodo transitorio di tre anni in cui entrambi gli standard  potranno coesistere.
Leggi tutto “Standard Internazionale: la norma Iso 45001”

Standard Internazionale: la norma Iso 45001 ultima modifica: ‘2018-06-12T14:00:48+00:00’ da Giovanni Polidoro

Circolare n. 1/2018 dell’ Ispettorato Nazionale del Lavoro

valutazione dei rischiLa recente circolare n. 1/2018 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) fornisce alcuni importanti chiarimenti in merito ad una delle modifiche apportate dal Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 151  al Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (D. Lgs. 81/2008). Leggi tutto “Circolare n. 1/2018 dell’ Ispettorato Nazionale del Lavoro”

Circolare n. 1/2018 dell’ Ispettorato Nazionale del Lavoro ultima modifica: ‘2018-02-21T12:30:18+00:00’ da Giovanni Polidoro

Quali sono gli ulteriori compiti e funzioni che possono essere assegnati a un RPD?

Il RGPD consente l’assegnazione al RPD di ulteriori compiti e funzioni, a condizione che non diano adito a un conflitto di interessi (art. 38, par. 6e che consentano al RPD di avere a disposizione il tempo sufficiente per l’espletamento dei compiti previsti dal RGPD (art. 38, par. 2). Leggi tutto “Quali sono gli ulteriori compiti e funzioni che possono essere assegnati a un RPD?”

Quali sono gli ulteriori compiti e funzioni che possono essere assegnati a un RPD? ultima modifica: ‘2018-01-30T13:00:59+00:00’ da Giovanni Polidoro

È ammissibile che uno stesso titolare/responsabile del trattamento abbia più RPD?

Alcune organizzazioni complesse hanno richiesto all’Autorità di valutare la possibilità di designare più RPD.

Al riguardo; si rileva che l’unicità della figura del RPD è una condizione necessaria per evitare il rischio di sovrapposizioni o incertezze sulle responsabilità, sia con riferimento all’ambito interno all’ente, sia con riferimento a quello esterno, e pertanto occorre che questa sia sempre assicurata. Leggi tutto “È ammissibile che uno stesso titolare/responsabile del trattamento abbia più RPD?”

È ammissibile che uno stesso titolare/responsabile del trattamento abbia più RPD? ultima modifica: ‘2018-01-25T13:00:39+00:00’ da Giovanni Polidoro

La designazione di un RPD interno pubblico richiede la costituzione di un apposito ufficio?

Il RGPD prevede, all’art. 38, par. 2, che «il titolare e del trattamento e il responsabile del trattamento sostengono il responsabile della protezione dei dati nell’esecuzione dei compiti di cui all’art. 39 fornendogli le risorse necessarie per assolvere tali compiti e accedere ai dati personali e ai trattamenti e per mantenere la propria conoscenza specialistica».
Leggi tutto “La designazione di un RPD interno pubblico richiede la costituzione di un apposito ufficio?”

La designazione di un RPD interno pubblico richiede la costituzione di un apposito ufficio? ultima modifica: ‘2018-01-23T13:00:30+00:00’ da Giovanni Polidoro

Con quale atto formale deve essere designato il RPD?

Il RGPD prevede all’art. 37, par. 1, che il titolare e il responsabile del trattamento designino il RPD; da ciò deriva, quindi, che l’atto di designazione è parte costitutiva dell’adempimento.

Nel caso in cui la scelta del RPD ricada su una professionalità interna all’ente, occorre formalizzare un apposito atto di designazione a “Responsabile per la protezione dei dati”. Leggi tutto “Con quale atto formale deve essere designato il RPD?”

Con quale atto formale deve essere designato il RPD? ultima modifica: ‘2018-01-18T13:00:46+00:00’ da Giovanni Polidoro

Quali certificazioni risultano idonee a legittimare il RPD nell’esercizio delle sue funzioni?

Come accade nei settori delle cosiddette “professioni non regolamentate”, si sono diffusi schemi proprietari di certificazione volontaria delle competenze professionali effettuate da appositi enti certificatori per legittimare il RPD. Tali certificazioni (che non rientrano tra quelle disciplinate dall’art.42 del RGPD) sono rilasciate anche all’esito della partecipazione ad attività formative e al controllo dell’apprendimento. Leggi tutto “Quali certificazioni risultano idonee a legittimare il RPD nell’esercizio delle sue funzioni?”

Quali certificazioni risultano idonee a legittimare il RPD nell’esercizio delle sue funzioni? ultima modifica: ‘2018-01-16T13:00:12+00:00’ da Giovanni Polidoro

Nel caso in cui il RPD sia un dipendente pubblico, quale qualifica deve avere?

Il RGPD non fornisce specifiche indicazioni al riguardo. È opportuno, in primo luogo, valutare se il complesso dei compiti assegnati al RPD – aventi rilevanza interna (consulenza, pareri, sorveglianza sul rispetto delle disposizioni) ed esterna (cooperazione con l’autorità di controllo e contatto con gli interessati in relazione all’esercizio dei propri diritti) – siano (o meno) compatibili con le mansioni ordinariamente affidate ai dipendenti con qualifica non dirigenziale. Leggi tutto “Nel caso in cui il RPD sia un dipendente pubblico, quale qualifica deve avere?”

Nel caso in cui il RPD sia un dipendente pubblico, quale qualifica deve avere? ultima modifica: ‘2018-01-11T13:00:53+00:00’ da Giovanni Polidoro

Le situazioni e i comportamenti pericolosi in cantiere

Valutazione dei Rischi del Cantiere StradaleEstremamente importante per evitare i comportamenti pericolosi in cantiere è l’opera del coordinatore della sicurezza per la progettazione (CSP) e del coordinatore della sicurezza per l’esecuzione (CSE).

Il coordinatore della sicurezza per la progettazione, effettuando un’accurata ricerca prevenzionale in fase progettuale, è in grado di intervenire eliminando i rischi, ove possibile, o riducendoli al minimo programmando la prevenzione, sostituendo ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o lo è meno, ecc. Leggi tutto “Le situazioni e i comportamenti pericolosi in cantiere”

Le situazioni e i comportamenti pericolosi in cantiere ultima modifica: ‘2018-01-10T13:00:26+00:00’ da Giovanni Polidoro